18 aprile 2017 - Software

Aumenterà l'Iva

AumenterÓ l'Iva
Padoan al Messaggero rompe il tab¨ e devia dalla linea di Renzi.
Il taglio dell'Irpef resta in campo, sulle privatizzazioni nessun freno
L'aumento dell'Iva non Ŕ pi¨ un tab¨.
Anzi. Uno scambio tra l'aumento dell'imposta e una riduzione del cuneo fiscale Ŕ "un'opzione sostenuta da buone ragioni".
Parola del ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, che in un'intervista al Messaggero, apre a uno "scambio" tra pi¨ Iva e meno tasse.
Una possibilitÓ che si delinea come antitetica alla linea portata avanti dall'ex premier, Matteo Renzi, e dai renziani del Pd, che in pi¨ di un'occasione hanno sottolineato la contrarietÓ a un aumento delle tasse.
Spiega il ministro
"Lo scambio tra Iva e cuneo fiscale Ŕ una forma di svalutazione interna che beneficia le imprese esportatrici, che sono anche le pi¨ competitive, le quali non possono pi¨ avvantaggiarsi del tasso di cambio.
Si tratta di una ricetta classica e siccome io sono un tecnico ricordo che nelle scelte politiche non si possono ignorare gli aspetti tecnici, e viceversa.
Diciamo che Ŕ un'opzione sostenuta da buone ragioni".
L'Iva non Ŕ la sola imposta che anima l'agenda economica del governo.
Si affaccia, infatti, anche un possibile intervento del taglio dell'Irpef, che l'ex premier Matteo Renzi aveva promesso nel 2018 ma di cui non c'Ŕ traccia nel Documento di economia e finanza approvato martedý scorso dal Consiglio dei ministri.
Padoan spiega che l'ipotesi "non Ŕ stata esclusa", rinviando alla legge di bilancio per il prossimo anno che "Ŕ ancora tutta da discutere".
In un quadro economico caratterizzato da "vincoli stretti", come sottolinea Padoan, l'azione del Tesoro punta anche a un impegno forte sul fronte delle privatizzazioni, tema che ha diviso le valutazioni del ministro da quelle dei renziani, che temono una svendita dei gioielli di famiglia da parte dello Stato.
"Non Ŕ che siccome c'Ŕ stata una levata di scudi allora ci accontentiamo di un po' meno", afferma il ministro.
I progetti del Tesoro si muovono, quindi, in un percorso complicato non solo sul fronte degli impegni da rispettare con Bruxelles e con i conti da fare con l'avvio della Brexit, ma anche su quello interno.
Sulle accuse, arrivate dalla maggioranza, di voler alzare le tasse, Padoan replica in modo deciso:
"Intanto ci sono alcuni elementi di metodo.
Il primo Ŕ riconoscere che il sentiero tra questi due vincoli Ŕ effettivamente stretto.
Poi su singole misure ci possono essere idee diverse, io ho le mie ma sono pronto a discutere su temi specifici.
Infine c'Ŕ il metodo del fuoco amico. Ma su questo non faccio commenti".
Altro tema spinoso per l'economia italiana Ŕ quello delle banche.
Padoan rassicura sul fatto che i 10 miliardi dei 20 a disposizione, che saranno utilizzati quest'anno, basteranno e rivendica il fatto che nel nuovo regime bancario europeo, il governo italiano "ha fatto moltissimo".
"Siamo il primo Paese - sottolinea il ministro - che ha messo in campo lo strumento delle ricapitalizzazioni precauzionali".
Rassicurazioni arrivano anche sul fronte delle risorse da destinare al rinnovo dei contratti degli statali.
I sindacati, Cgil in testa, hanno espresso forte preoccupazione per il fatto che nel Def non siano stati stanziati ulteriori fondi.
Il ministro, tuttavia, promette che l'accordo siglato a novembre "resta valido".
á

Fonte: www.huffingtonpost.it